Il Cappero

Scritto da Cecyf176 Il .


capperoIl cappero il cui nome proviene dall’arabo “cabir”,  è una pianta che nelle isole Eolie esiste da secoli allo stato selvatico, è un piccolo arbusto sempreverde tipico dell’area mediterranea, composto da un tronco legnoso e da rami erbacei su cui si sviluppano foglioline verde scuro, ovali e carnose; il  cappero lo troviamo sui pendii rocciosi, tra le spaccature della roccia e in qualsiasi tipo di terreno,  negli ultimi anni è anche molto diffuso nei giardini come pianta ornamentale.

 

Nel periodo estivo (giugno-settembre) sviluppa una fioritura affascinante,  fiori bianchi con dei riflessi rosa e viola, per la bellezza di questi fiori il cappero è stato ribattezzato “l’orchidea delle Eolie”.

Il cappero predilige un’esposizione in pieno sole e temperature molto elevate (35°C), teme gli inverni rigidi ed il gelo, si adatta a qualsiasi tipo di terreno anche a quelli più rocciosi ed asciutti, è una pianta con un ottima resistenza a malattie e parassiti. 

 

Acquista Capperi di Salina Presso il nostro negozio OnLine

La raccolta del cappero deve essere fatta prima che la pianta inizi la fioritura, i capperi più piccoli sono quelli qualitativamente migliori, ogni 10/15 giorni la pianta del cappero produrrà nuovi tapini (capperi), la raccolta viene effettuata esclusivamente a mano, non esistono macchine che sostituiscono le mani esperte dei raccoglitori, si racconta che le mani delle donne siano più veloci di quelle degli uomini per effettuare questa operazione, il raccolto avviene nelle ore meno calde della giornata, di solito all’alba o poco prima del tramonto. 

I capperi che “sfuggono” alle mani esperte dei raccoglitori diventano fiori che daranno il frutto “cucunciu” una specie di cetriolino commestibile e molto buono sott’aceto,  sott’olio, viene usato spesso per gli aperitivi.

Esistono diversi tipi di capperi che vengono classificati in base al calibro, subito dopo la raccolta vengono selezionati per grandezza, dopo questo procedimento vengono conservati sotto sale in enormi recipienti di plastica dove ogni tanto vengono rimescolati, il sale serve anche per togliergli  il sapore amaro, il sale conserva i capperi per diversi anni.

Prima di essere utilizzati devono essere dissalati in acqua, c’ è chi limita queste operazioni perche il sapore del cappero salato dicono che è qualcosa di divino da godere insieme al cibo a cui si accompagna.

Il cappero è il protagonista indiscusso della cucina eoliana, lo si trova, negli antipasti, nelle paste, nel pesce, nelle insalate, nei contorni, o semplicemente da solo, ma il cappero non è soltanto un piacere della tavola, già nel seicento un trattato ne decantava le sue proprietà curative, sembra difatti che fosse un sedativo, abbassasse la pressione,  calmante per i dolori della sciatica, guarire le ulcere, mitigasse il mal di denti, sono state accertate negli ultimi anni le sue proprietà terapeutiche nella cura del colesterolo, si dice anche che il cappero è un potente afrodisiaco….! 

Gli studi sull'utilizzo del cappero  nella cosmesi avrebbero dimostrato la sua  efficacia per combattere i radicali liberi, sono inoltre efficaci nella prevenzione della caduta dei capelli.

La pianta del cappero è di difficile moltiplicazione, la produzione di nuovi esemplari può essere fatta per semina o per talea:

  • la semina si esegue in primavera collocando in una cassetta o in dei vasi con sabbia e torba un buon numero di semi poiché la bassa percentuale di germinazione non ne garantisce il successo, le cassette possono essere tenute all'aperto durante l’estate per poi essere riposte al riparo in inverno;
  • in estate si può procedere alla riproduzione per talea del cappero utilizzando parte dei rami legnosi della pianta per interrarli in un miscuglio di torba e sabbia, come nel caso della semina le talee vanno messe al riparo dal freddo.